Connessioni: i gadget per i rifiuti alimentari domestici

Pubblichiamo di seguito la traduzione dell’interessante articolo di Sally Brown su BioCycle

Traduzione dell’articolo pubblicato su
https://www.biocycle.net/household-food-waste-gadgets/

Di seguito NDT: Nota Del Traduttore
Il termine inglese diversion è stata tradotto, di caso in caso, differenziata, mancato smaltimento ecc. anche se la parola italiana diversione enfatizza la deviazione del flusso di qualcosa ma è purtroppo poco usata nel settore rifiuti

Connessioni: i gadget per i rifiuti alimentari domestici
La recensione della rivista Wired dà un’occhiata ai dispositivi progettati per aiutare le persone ad amare la differenziazione dei loro rifiuti alimentari.
Di Sally Brown

L’ultima rivoluzione nel nostro settore non viene dalle pagine di questa venerabile rivista (Biocycle NDT) ma da Wired. Fondato nel 1993, Wired è il posto dove vado a leggere l’ultima e più grande innovazione sull’intelligenza artificiale, non sulla raccolta differenziata dei rifiuti organici. Il focus di questa rivista è come le tecnologie emergenti influiscono sulla cultura, l’economia e la politica. Suggerisce più edifici intelligenti che cumuli statici per il compostaggio. Ma un recente articolo apparso su Wired fa pensare che potrebbe avvicinarsi una nuova rivoluzione.

Sembra che molte persone, comprese quelle che leggono Wired, abbiano capito che evitare che i rifiuti organici finiscano in discarica (“diverting organics from landfills” nel testo NDT) è davvero una buona cosa. L’approvazione della legge sui rifiuti organici (SB 1383) in California ha dato una grande spinta per attirare molta attenzione su questo problema. Diversi stati hanno ora approvato misure per prevenire che i rifiuti organici finiscano in discarica. Il più recente è il mio stato di Washington, dove il nostro governatore ha appena firmato la legge 1799. Questa legge impone una riduzione del 75% dei rifiuti organici smaltiti in discarica entro il 2030 per comunità di 25.000 abitanti o più da ora in poi tenute a offrire la raccolta differenziata. Tutto fantastico tranne “come ci riesci”? Qui nella verdissima Seattle, abbiamo raccolto insieme avanzi di cibo e sfalci di giardino per oltre un decennio. I tassi di partecipazione sono ancora al di sotto del 50% ed il conferimento sbagliato è la norma piuttosto che l’eccezione.

La domanda è diventata come farlo piuttosto se deve essere fatto o meno. Finora la filosofia adottata è stata distribuire il cestino verde con il libretto informativo e poi incrociare le dita. La divulgazione, alcune campagne informative eccellenti e la minaccia di multe non hanno cambiato il paradigma. Se sei stato abbastanza ingenuo (io lo ero) da pensare che i sacchetti di plastica compostabili e quei deliziosi secchielli fossero sufficienti per facilitare il cambio di comportamento, ripensaci.

Ora vediamo alcune recensioni di queste fantasiose macchine in Wired. Queste macchine suggeriscono che il “come” si farà strada da un terreno comunale a quello privato prodotti in casa. In altre parole, il passaggio da una buona idea a un’azione facilitata da un prodotto stravagante, non municipale.

I dispositivi
Le recensioni dei prodotti su Wired possono presagire una rivoluzione. L’articolo parla di “compostatori” domestici. Secondo le affermazioni dei produttori, il compostaggio domestico è uscito dal secchio dei rifiuti e si è trasformato in un elettrodomestico che trasforma i vostri avanzi di cibo in “compost” proprio nel comfort della vostra cucina. Vengono valutate quattro nuove unità disponibili, con un prezzo che va da $ 300 per Vitamix Food Cycler a $ 499 per il Pela Lomi. Il dispositivo con il punteggio più alto, il Reencle, è in preordine per $ 439 ma alla fine sarà venduto al dettaglio per $ 699. Il composter per rifiuti di cucina di BeyondGreen viene venduto a $ 430. Due di questi dispositivi in realtà decompongono gli avanzi di cibo o affermano di farlo. Gli altri due (Food Cycler e Lomi) essiccano e macinano. Tutti sembrano eleganti e si adattano bene sia sopra che sotto il bancone. Fanno il lavoro per te. Non dovrai più preoccuparti delle dimensioni delle particelle per il tuo contenitore per lombricoltura (“kitchen worm bin” nel testo NDT). Le macchine tolgono anche il percolato e l’odore, almeno affermano di farlo. Posso parlare del potenziale di successo per i due che effettivamente si “compostano” in base alla mia conoscenza dei processi coinvolti. La mia conoscenza mi dice anche che nessuno dei due dovrebbe essere classificato come dispositivo di compostaggio (il termine pre-compostaggio potrebbe essere più accurato). Posso parlare di uno dei dispositivi che essicca e macina per esperienza diretta. Cominciamo con i due che affermano di compostare. Reencle si basa sul sistema bokashi, la fermentazione anaerobica acida. Questo è il dispositivo con il punteggio più alto e il più costoso. Ho lavorato con materiale proveniente dai sistemi bokashi e ne ho scritto su BioCycle. La recensione di Wired rileva che a volte quando si apre il dispositivo si sente un odore sgradevole e che a volte la decomposizione può andare storta. Il recensore afferma tuttavia che è possibile premere il pulsante “asciuga” per ripristinare e ripristinare il dispositivo e che esiste anche un pulsante “purifica” per eliminare qualsiasi odore. Dice che la sua unità ha funzionato “perfettamente”.

l terreno è stato mescolato con bokashi che aveva mesi (a sinistra) e utilizzato nelle prove di crescita dei cavoli. I vasi senza alcuna crescita sono con la miscela bokashi. La carta adesiva gialla (al centro a destra) cattura gli insetti attirati dal bokashi. Foto di Sally Brown

Il bokashi che conosco io non è per i deboli di cuore. È un processo molto puzzolente che riduce il volume degli scarti di cibo ma non produce in alcun modo un materiale stabile e utile come ammendante per il suolo. Abbiamo mescolato il materiale del bokashi finito (stabilizzato per mesi e non giorni) con il terreno e lo abbiamo lasciato stabilizzare e decomporsi per diversi mesi prima di piantare i semi. Quei semi non hanno mai germogliato i e la miscela in stabilizzazione aveva un terribile odore che attirava le mosche per settimane. Solo mesi dopo, con la seconda semina, abbiamo visto la crescita in alcuni vasi. In altre parole, una grande idea che magari funziona in casa. Come scienziata del suolo, non sono affatto sicura di come potrebbe funzionare nel tuo giardino, a meno che quantità molto piccole siano sparse su un’ampia area oppure il materiale non venga ulteriormente trattato nel suolo o in un secondo dispositivo ancora da recensire su Wired.

La seconda opzione è un bidone compostatore per rifiuti di cucina della BeyondGreen che viene fornito con trucioli di legno e bicarbonato di sodio. Il recensore dice che ha un profumo e produce compost finito in una settimana. Il recensore afferma anche che il compost finito contiene “pezzi di cibo e pezzi più grandi”. C’è qualche compostatore che si rispetti che può fare il compost in una settimana? Non la pensavo così. Qui è molto probabile che il processo di decomposizione della sostanza organica sia iniziato. Ipazienti (o volenterosi) proprietari di casa/giardiniere capiranno che seppellire il materiale dopo averlo mescolato con il terreno, aiuterà il vostro terreno nel tempo, come con il bokashi. Ma è importante avere pazienta prima di piantare le petunie. Un altro segnale di avvertimento su questo è il commento sull’odore. Nessuno vuole una cucina puzzolente.

Asciugare e macinare
Poi ci sono i due dispositivi che asciugano e macinano i vostri avanzi di cibo. Queste macchine richiedono di riempirle prima di accenderle. Una volta accese, impiegano alcune ore per disidratare gli avanzi di cibo. Le istruzioni per entrambi i dispositivi dicono che puoi aggiungere il materiale finito al tuo terreno. Anche se non nelle istruzioni, l’aggiunta al terreno dovrebbe essere in quantità tipo “condire a piacere” oppure si avrà un alto potenziale per lo sviluppo di muffe, insetti e roditori.

Disidratatore Food Cycler a sinistra e campioni di prodotto dopo il processamento a destra

Abbiamo avuto un FoodCycler per diversi mesi prima di riuscire a romperlo. Sembrava di avere un mini miracolo nella nostra veranda. Il materiale essiccato non ha praticamente odore (tranne quando mio marito ci ha tradito e ci ha messo dentro la cacca del cane) ed è privo al 100% di qualsiasi aspetto schifoso. Ha reso molto facile mettere gli avanzi di cibo e ottenere un bel materiale finito, simile quasi alla polvere, in un solo giorno. Solo una volta che il materiale è stato nuovamente inumidito, quasi immediatamente ricomincerà l’attività di degradazione da parte dei microrganismi con produzione di melma, muffa e cattivo odore associati. Verranno creature che pensano che la melma abbia un odore dolce. Ma per il proprietario di casa, improvvisamente, la gestione dell’umido è più facile che azionare una macchina per caffè espresso.

Cambiamento di paradigma?

Ognuno di questi dispositivi rappresenta un’elegante alternativa alla busta compostabile e al secchio verdi (spesso da noi marroni NDT). Ognuno di questi include caratteristiche e opzioni di design che sono state sempre estranee al nostro settore per l’intera durata della sua vita: bello da vedere, si adatta al bancone o sotto il lavandino, ha un’interfaccia per l’utente accattivante. Ognuno riflette un cambio di paradigma sia per il designer che per il consumatore.

Nessuno dei dispositivi esaminati nell’articolo di Wired produce un materiale che avrebbe la possibilità di ricevere la certificazione di composto secondo il “Seal of Testing Assurance” (STA) dello US Composting Council. Va bene così! La parte critica di tutte queste cose è che offrono un approccio molto diverso che ha il potenziale di disturbare e cambiare davvero il sistema, in meglio. Invece di concentrarti sui problemi con ciascuno di questi dispositivi o sulle affermazioni che sono molto distanti dalla realtà, bisogna considerare il loro potenziale. Rendersi conto anche che questi sono i primi di quella che probabilmente sarà una gamma di prodotti, tutti progettati per indurre l’utente medio a pensare gli scarti alimentari fuori dal concetto di spazzatura.
Proprio alla fine, parlando per esperienza personale, si tratta di dispositivi facili da usare che hanno un potenziale molto elevato per aumentare la partecipazione ai programmi di gestione e raccolta differenziata dell’umido (“food scraps diversion” nel testo NDT). Con i modelli “essicca e macina” in particolare, si elimina l’urgenza nel differenziare e raccogliere con alta frequenza gli avanzi di cibo. Non c’è bisogno che si prenda in mano il viscido sacchetto di plastica pieno di avanzi e portarlo nel cestino appropriato, sempre col terrore che la busta di bioplastica compostabile si rompa e di dover pulire ovunque. I materiali essiccati possono andare in un sacchetto di carta o in qualsiasi altro tipo di contenitore e rimanere al loro posto (se tenuti asciutti) fino a quando non si è pronti per fare un viaggio nel cestino verde. Le frazioni estranee che hai inserito erroneamente nel dispositivo si distruggerebbero o li vedresti in alto. Niente come l’esperienza di prima mano per facilitare il cambiamento del comportamento. Se questi dispositivi, implementati su larga scala, possono aumentare la partecipazione e ridurre la contaminazione, già questa sarebbe una grande vittoria a tutti gli effetti. Il fatto che il materiale diventi reattivo al contatto con l’acqua e inizi a puzzare è molto meno problematico se accade nel veicolo della raccolta differenziata che va verso un impianto di trattamento (ad es. compostaggio, digestione anaerobica) invece che nella propria cucina.

Nel senso più rivoluzionario, queste macchine hanno il potenziale per ridurre notevolmente, se non eliminare, la necessità di una raccolta centralizzata degli scarti di cibo. Direttamente dalla cucina al tuo cortile è circolare (si riferisce probabilmente all’”economia circolare” NDT) come effettivamente è. Se lo consideri un potenziale, i prezzi non sembrano poi così alti. Se le persone acquistano ed utilizzano questi dispositivi, le frequenze di raccolta possono essere ridotte. I comuni possono soddisfare gli obblighi statali e avere un grande impatto positivo sui cambiamenti climatici.

Considerando ciascuno di questi, potrebbe essere più economico per il proprio comune acquistare per gli utenti uno di questi apparecchi piuttosto che espandere la propria flotta di mezzi per la raccolta dei rifiuti. Si spera che questi dispositivi eleganti siano l’inizio di uno sconvolgimento del settore della gestione della frazione organica. Sono sicura che dispositivi perfezionati, che producono davvero compost, non sono molto lontani.

Sally Brown, consulente senior di BioCycle, è professore di ricerca presso il “College of the Environment” dell’Università di Washington.

AIC ringrazia l-autrice dell-articolo Sally Brown e l’editore della rivista BioCycle Nora Goldstein per l’autorizzazione alla traduzione