Homepage

Il settore dei rifiuti rappresenta, con i suoi problemi, un esempio emblematico della insostenibilità del nostro modello di produzione e consumo.

Nel settore rifiuti la frazione organica è la frazione merceologica maggioritaria sia in termini di peso sia, ancor di più, in termini di costi di gestione.

La frazione organica è quella su cui puntare maggiormente per il raggiungimento degli obiettivi sia di prevenzione e riduzione sia di percentuali per la raccolta differenziata dei rifiuti.

La forma principe di riciclo per la frazione organica prevede il ritorno alla terra del materiale organico attraverso la produzione di compost.

Gli impianti industriali di compostaggio sono spesso lontani e assistiamo a lunghi e costosi viaggi di acqua di cui la frazione organica è principalmente composta.

La legge 221/2015 (collegato ambientale) offre nuove opportunità, con i suoi articoli 37 e 38, nell’affermazione di pratiche quali l’autocompostaggio (domestico e non domestico), il compostaggio locale e di comunità.

Su questo la Pubblica Amministrazione, Comuni, Provincie e Regioni, possono e devono dare un forte contributo riappropriandosi del ruolo che gli spetta.

Questo nuovo approccio incontra molte resistenze, dovute essenzialmente all’inerzia del sistema di gestione rifiuti, ad una vecchia mentalità che deve essere superata.

Per questo motivo è importante una mobilitazione della società civile e dell’associazionismo per intraprendere insieme un cammino nuovo e condiviso. Noi ci stiamo provando….

 

Servizi Offerti

Nell’ambito delle sue attività, l’A.I.C. mette a disposizione di Regioni, Province, Comuni, Enti ed Associazioni i propri servizi, di seguito elencati.

Supporto Amministrativo

  1. Revisione di Regolamenti comunali Ta.Ri. relativi alla gestione rifiuti in generale ed al compostaggio in particolare, per l’introduzione delle diverse pratiche applicabili di compostaggio di prossimità;

  2. Partecipazione a commissioni di valutazione di bandi Regionali;

  3. Sostegno alla partecipazione a bandi Europei / Nazionali;

  4. Supporto all’iter autorizzativo per la gestione di sistemi con capacità di gestione superiori a 130 tonnellate/anno.

Supporto Tecnico

  1. Alla definizione dei criteri utili per la zonizzazione dei territori comunali ai fini dell’individuazione di una o più aree idonee all’introduzione di specifiche soluzioni per il compostaggio di prossimità (auto compostaggio, compostaggio di comunità, compostaggio locale);

  2. Alla definizione di scenari operativi ai fini dell’introduzione di pratiche di compostaggio di prossimità, a fronte di sgravi tariffari ed investimenti per l’acquisto ed installazione di apparecchiature dedicate;

  3. Alla valutazione dei fabbisogni impiantistici, definizioni delle apparecchiatura;

  4. Alla definizione e verifica dei criteri di omologazione delle apparecchiature da utilizzare nelle pratiche di compostaggio, in collaborazione con ENEA;

  5. Alla definizione di piani di investimento per l’acquisto e l’installazione di apparecchiature dedicate al compostaggio di prossimità;

  6. Alla certificazione delle apparecchiature e dei processi di trasformazione atti alla produzione di compost di qualità;

  7. Alla formazione ed alla certificazione di competenze professionali, idonee alla futura gestione di sistemi di compostaggio di prossimità;

  8. Alla preparazione di progetti specifici.

Supporto ad attività di formazione ed informazione

  1. Definire, organizzare, svolgere corsi di formazione, seminari, convegni, workshop, campagne e strumenti di informazione, finalizzati alla diffusione, sensibilizzazione ed accompagnamento all’attuazione delle pratiche di compostaggio di prossimità;

  2. Certificare competenze professionali relative alla gestione di sistemi di compostaggio, il funzionamento delle apparecchiature, dei processi di trasformazione, le caratteristiche minime per la progettazione di sistemi per il compostaggio di prossimità, processi e compost prodotto, anche in collaborazione con ENEA, valorizzare professioni e servizi del settore della gestione locale della frazione organica

Chi siamo

L’Associazione Italiana Compostaggio (AIC) è una libera associazione senza finalità di lucro, aperta ad Enti pubblici, Associazioni, Organismi privati e persone fisiche, che ha come scopo la promozione, ai fini della sostenibilità, della resilienza, della circolarità delle economie e dei territori e delle loro comunità, dell’uso razionale ed efficienze della risorsa costituita dai materiali organici attraverso impianti di piccola taglia, organizzazioni a rete, il più vicini possibile al luogo di produzione dei materiali stessi e di utilizzo del compost prodotto. Esempi di queste attività sono tutte le pratiche di compostaggio di prossimità costituite dall’autocompostaggio (domestico e non), dal compostaggio di comunità e dal compostaggio locale.

Oggi l’Associazione, oltre ai 32 propri soci fondatori, ha oggi oltre 60 esperti, una ventina di comuni, Enti e Associazioni e conta, come socio, l’ENEA nel suo Laboratorio Tecnologie per la gestione integrata dei rifiuti, reflui e materie prime seconde del Dipartimento Sviluppo dei Sistemi Produttivi e Territoriali (SSPT).

Possono essere Soci dell’Associazione le persone fisiche che abbiano raggiunto la maggiore età, le Associazioni, gli Organismi privati, gli Enti pubblici anche di nazionalità estera, che intendono effettivamente contribuire alla sua attività.

Attualmente il Direttivo è composto da:

 

Nome Cognome Nota
Marcello Astolfi Avvocato
Michele Bernardini Tecnico Ambientale Direttore ASM Rieti
Silvia Coscienza Associazione Libera Ambiente
Vincenza Di Malta Sociologa, Urbanista
Fabio Musmeci Ricercatore ENEA Presidente AIC
Aldo Luongo Sindaco Cuccaro Vetere (SA)
Domenico Paglia Tecnico Ambientale Segretario Nazionale
Roberto Paladini Tecnico Ambientale Ecofesta Puglia
Pina Piccirilli Ass.RicreaTe
Ilaria Micol Riccio Avvocato 
Giuseppa Rozzo Speha Fresia – formazione (tesoriere)

Il Comitato Tecnico Scientifico è in costituzione:

Presidente Pier Giorgio Landolfo (ricercatore ENEA)

Componenti:

Marcello Astolfi

Pasquale Lepore

Cristina Oddo

Giancarlo Odoardi (Agronomo)

Rosario Pavia

Giulia Sagnotti

Francesco Sicilia

Responsabili Regionali

Abruzzo: Pina Piccirilli (pinapiccirilli2000@yahoo.it)

Campania: Vincenzo Chiera (geochiera@gmail.com)

Lazio: Vincenza Di Malta (giavdimalta@gmail.com)

Puglia: Robero Paladini (roberto.ecofestapuglia@gmail.com)

Sicilia: Silvia Coscienza (silviacoscienza@virgilio.it)

Aree tematiche

Area formazione progetti e bandi: Pina Rozzo (pinarozzo@gmail.com)

Area legale, aspetti giuridici e normativi: Ilaria Micol Riccio (ilariamicolriccio@gmail.com)

Area rapporti istituzionali, pubblici e privati: Fabio Musmeci (fabio.musmeci@enea.it)

 

Blog

Grave minaccia dalla bozza UE di norme per il calcolo del riciclaggio

Abbiamo ricevuto copia della bozza che circola circa le nuove norme per il calcolo del riciclo  proposte dalla Commissione Europea. WFD Draft IA calc rules Tali norme escluderebbero il compostaggio domestico e di comunità dal calcolo del riciclo (art. 3 punto 5). Poichè in Italia il compostaggio domestico e di comunità è sostenuto dai Comuni al fine …

Incontro a Bracciano il 9 dicembre 2018

A seguito del finanziamento regionale del progetto COMpostaggio LOCale dei comuni di Bracciano (capofila), Anguillara Sabazia, Bassano Romano, Canale Monterano, Oriolo Romano e Trevignano Romano si terrà il 9 dicembre, alle ore 11:00, presso l’archivio storico (Piazza Mazzini 5 Bracciano) l’evento di avvio della progettazione partecipata.

Contatti

Questa è una pagina con alcune informazioni di base per un contatto, quali un indirizzo ed un  numero di telefono.

Contattaci